“Abbuffate alcoliche” e rischio di ansia

Pubblicato: 19 novembre 2010 in Notizie su sostanze e dipendenze
Tag:,

Secondo uno studio condotto dalla Loyola University ed esposto dalla Society for Neuroscience di San Diego, negli Stati Uniti, il binge drinking, molto diffuso nei Paesi anglosassoni e nel Nord Europa, ma oggi ben noto anche nella maggioranza dei Paesi mediterranei, può provocare alterazioni permanenti nel sistema che regola l’umore delle persone. Alcuni esperimenti effettuati sugli animali suggeriscono in particolare che ripetute “abbuffate alcoliche” possano causare, a distanza di tempo, una difsunzione nella risposta ormonale allo stress. Certo, come in tutti questi esperimenti, bisogna andar cauti nel pensare che gli effetti per il corpo umano e per quello animale debbano necessariamente essere gli stessi, tuttavia non è troppo remota la possibilità che l’assunzione di elevate quantità di alcolici (sino ad un tasso alcolemico di 1,5 o 2 g/l) col tempo possa avere effetti negativi per quanto riguarda la gestione dello stress, e quindi favorisca gli stati d’ansia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...