Posts contrassegnato dai tag ‘concorso perché no’

Riporto in questo nuovo post i contenuti di una discussione con una delle classi coinvolte nel progetto, la III BS del Majorana, a proposito di due video che ho inserito qualche settimana fa.

Il primo di questi video, disponibile su questo blog o su YouTube, è stato realizzato l’anno scorso dalla classe II A dell’istituto Galilei ed ha per titolo “Non giocare con la droga”. Il video è stato giudicato positivamente, soprattutto è sembrato ben costruito sul piano tecnico, e dotato di una musica piuttosto accattivante. In particolare è stato apprezzato il messaggio forte, “di impatto”, benché alcuni abbiano sottolineato come esistano, in circolazione, videogiochi ancora più duri e violenti, che forse rendono maggiormente l’idea, come Total Overdose o Saints’Road. In questi videogames è possibile interpretare personaggi che ad esempio comprano droga o, sotto effetto di sostanze, commettono crudeli omicidi. A parte le profonde riflessioni possibili su simili prodotti multimediali, possiamo osservare che nei ragazzi ancora una volta prevale l’interesse per i messaggi forti, hard, o perfino “terroristici”.

Al contrario, un video come “C’è di meglio nella vita“, realizzato dalla II A del Casaregis, è sembrato carente o debole sotto alcuni aspetti. Una ragazza ha sottolineato come non sia poi così facile trovare appoggio e conforto dagli amici, e come spesso questi possano risultare spaventati ed evitare una persona che abusa di sostanze; il messaggio di fondo è stato compreso nella sua positività, però il video nell’insieme è sembrato troppo “edulcorato”. Uno studente ne ha anche sottolineato l’incompletezza, sostenendo che, pur riconoscendo che è difficile esplicitare tutte le situazioni nei tempi limitati di uno spot, alcuni momenti di crisi fisica o psicologica della protagonista si sarebbero dovuti rappresentare, per connotare il video in senso più diretto e realistico.

Potete trovare alcuni commenti dei ragazzi nei rispettivi 2 post dedicati ai video, che saranno ancora oggetto di un vero e proprio video-training nei prossimi incontri in classe.

Nell’ambito del nostro progetto vorrei proporvi un video realizzato dai ragazzi della II A dell’ITIS Galilei di Genova nell’anno scolastico 2008-2009. Con questo prodotto la classe ha vinto il concorso “Perché no” organizzato dal Centro di Solidarietà di Genova insieme al CeIS di Roma (coordinatore del progetto) e al Centro “La Tenda” di Napoli. Personalmente credo che il video si inserisca bene nel nostro dibattito sulle sostanze, ma anche sulle nuove tecnologie, visto che parte di questo spot è stata realizzata con un campionamento di un famoso videogioco. Quali riflessioni suscita in voi?