Posts contrassegnato dai tag ‘web 2.0’

ImmagineAgli inizi di marzo partirà tra Milano e Verbania un corso di alta formazione per gli operatori del terzo settore, delle ASL, della scuola e degli enti locali, intitolato “Tra media e peer education. Modelli e pratiche per una prevenzione 2.0”. Il corso , promosso dall’Università Cattolica di Milano insieme all’associazione Contorno Viola (che da anni lavora nell’educazione tra pari), alla cooperativa Lotta contro l’Emarginazione e alla ASL VCO, si propone di diffondere modelli di prevenzione dei comportamenti a rischio e promozione della salute, incentrati sulla comunicazione tra pari e sull’utilizzo dei media digitali. Le lezioni si svolgeranno tra marzo a giugno e riguarderanno diversi temi tra cui la gestione dei gruppi, l’universo adolescenziale, la comunicazione nell’era del Web 2.0.

Il corso, particolarmente interessante ed innovativo nelle sue tematiche, si riallaccia ad una discussione emersa negli ultimi 2-3 anni tra operatori del sociale, in particolare nel convegno svoltosi a novembre 2010 ad Alba, intitolato “Nativi digitali” (per una sintesi degli argomenti trattati si veda questo sito: http://cssnatividigitali.wordpress.com/programma-completo/ ). Oltre a porsi come un’ottima opportunità di formazione, potrà rappresentare, a nostro avviso, anche un’ulteriore occasione di confronto tra educatori, insegnanti ed altri professionisti provenienti da realtà geografiche e sociali differenti, in un periodo certo non facile per il mondo del sociale, nel quale più che mai s’impone l’esigenza di progetti innovativi, efficaci e sostenibili. 

Circa un anno fa è uscito nelle librerie il volume “Fermiamoci un attimo! Il blog come spazio di riflessione e promozione della salute nella tecno-era della velocità“, che racconta la storia di questo blog a partire dall’omonimo progetto, Prevenzione 2.0, sviluppato nell’anno scolastico 2009-2010 con alcuni studenti dell’Istituto Majorana-Giorgi di Genova.

Attraverso un’analisi del fenomeno del consumo di sostanze e dei profondi cambiamenti sociali avvenuti in quella che nel libro viene definita come un’epoca dominata dalla tecnologia e dall’imperativo della velocità e della performance, si va a trattare il tema del rischio in età giovanile con l’idea di una nuova forma di promozione della salute. (altro…)

Il progetto di promozione della salute “Tweer Education”, finanziato per il Centro di Solidarietà di Genova dalla Fondazione Carige, si propone di utilizzare il microblogging Twitter come veicolo di sensibilizzazione degli adolescenti sul tema del consumo di sostanze psicoattive; dal 24 febbraio 2011 esso vedrà coinvolti i ragazzi di una scuola genovese, il Deledda International School. Si alterneranno incontri in presenza ed attività a distanza con un gruppo di circa trenta studenti. Saranno toccati temi quali gli aspetti medici e legali dell’uso di sostanze, le normative vigenti, la rappresentazione sociale del consumo di alcol, gli influssi dei media e della pubblicità, e molto altro. L’intero progetto sarà accompagnato da un’attenta opera di valutazione quantitativa e qualitativa dei messaggi pervenuti attraverso Twitter, ed anche da alcuni questionari di apprendimento sui temi affrontati.

Per presentare il progetto Tweer Education, che mette insieme educazione tra pari ed uso di Twitter, ho scelto un breve video/slideshow che riassume i contenuti principali che verranno affrontati nel corso di quest’anno.

Il progetto coinvolgerà una classe III del Liceo Linguistico Marconi di Milano e continuerà per l’intero anno scolastico.